Io, la mia famiglia rom e Woody Allen

Io, la mia famiglia rom e Woody Allen

Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen è la storia di una ragazza Rom che abita con i suoi in un quartiere popolare alla periferia di Torino.


Il racconto in prima persona esplora i cambiamenti e le difficoltà della nuova vita stanziale affrontando i contrasti e le incomprensioni che fin da bambina la accompagnano nelle relazioni con i Gagè, tutti quelli che non sono Rom.
Attraverso i ricordi dei suoi familiari, tra cui l’anziana nonna che ancora vive in un campo, le fotografie e i filmati del padre che negli anni documenta la vita quotidiana della piccola comunità, scopriamo una realtà fino ad oggi conosciuta solo attraverso gli stereotipi e i luoghi comuni.

Ma il documentario non è soltanto un affresco sull'umanità delle relazioni e sulla voglia di fare qualcosa a dispetto delle difficoltà, di fatto chi parla è una ragazza di oggi che cresce inseguendo i propri sogni combattendo contro i pregiudizi e le tradizioni di una cultura difficile da accettare.
 

Una co-produzione 2+1 e Zenit Arti Audiovisive, in associazione con Aria Viva, in collaborazione con Radiotelevisione Italiana - Rai Tre. Con il sostegno di Open Society Institute - Roma Decade Initiative 2005-2015 e Piemonte Doc Film Fund - fondo regionale per il documentario, con il contributo di Comune di Torino Assessorato alle Politiche di Integrazione - un'iniziativa realizzata nell'ambito del protocollo d'intesa Città di Torino - Compagnia di San Paolo in materia di immigrazione, integrazione e interculturalità, Regione Piemonte Assessorato al Welfare e Assessorato alle Pari Opportunità, Consiglio d'Europa/ Campagna Dosta contro i pregiudizi e gli stereotipi verso i Rom in Italia, sviluppato grazie al Programma MEDIA della Comunità Europea.

Anno 2009, Digibeta 50' col.

Regia: Laura Halilovic

Scritto da: Laura Halilovic, Nicola Rondolino, Davide Tosco
Prodotto da: Davide Tosco
Produttori associati: Massimo Arvat, Deana Panzarino
Montaggio: Marco Duretti
Musica: Fabio Barovero, Bruskoi Prala, Giuseppe Napoli
Coordinamento: Francesca Portalupi
Direttore di produzione: Emiliano Darchini

Con: la famiglia Halilovic.

Premi

Premio UCCA 20 città, AVANTI! 2009
Menzione Speciale della Giuria, Bellaria Film Festival 2009
Premio Cinema contro il razzismo 2009
Premio Alberto Manzi, miglior programma radio-televisivo educativo 2009
Premio del Pubblico, Balkan Sunflower Filmfestival 2009
Miglior documentario lungometraggio, Festival des 4 écrans 2009
Miglior documentario internazionale, One World Prishtina 2009
Miglior documentario italiano, Festival Visioni Fuori Raccordo, 2009
Miglior documentario d'autore, Grand Prix Urti 2010
Palma d'oro, Zagreb Film festival 2010
Miglior opera prima, CMCA 2010
Silver Drum Award, NIFF Nepal International Indigenous Film Festival 2011
Kathmandu, Miglior Documentario, South East European Film Festival di Los Angeles 2011

ARTICOLI CORRELATI

Non avere paura! Donne che non si sono arrese ripercorre il ruolo delle donne in Italia attraverso storie e testimonianze di alcune di loro

Last Call parte dalla pubblicazione del libro The Limits to Growth, scritto da un team di scienziati del MIT, questo raccontava il futuro del mondo...

Una storia corale di persone le cui vite sono state cambiate dal sonno, nel documentario intervengono sull'argomento importanti scienziati

Realizzato da: Hanz&co. e Edit Web